Ipotesi Metaverso

IPOTESI METAVERSO

A Palazzo Cipolla un viaggio nell’arte digitale dal Barocco ad oggi

Le sale di Palazzo Cipolla a Roma ospiteranno, dal 5 Aprile al 23 Luglio, la mostra Ipotesi Metaverso, curata da Gabriele Simongini e Serena Tabacchi, promossa dalla Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale. Un viaggio nel tempo che permetterà al visitatore di compiere salti spazio-temporali e scoprire nuovi canali di comunicazione attraverso le opere di ben 32 artisti, dal Barocco a oggi.

Questa è la prima mostra che si pone l’interrogativo dell’esistenza del concetto di Metaverso“, hanno dichiarato i due curatori. Per l’occasione il museo è diventato un parco giochi multimediale dove il concetto di immaginazione, strettamente legato al mondo digitale, si è tramutato in realtà.

IPOTESI METAVERSO

Il Metaverso è un luogo in cui si può fare qualsiasi cosa, essere chiunque senza andare da nessuna parte. Un luogo in cui i limiti della realtà sono la vostra immaginazione.

Steven Spielberg, Ready Player One, 2018

L’aspetto più interessante di questa mostra è il fatto che riesca a riunire i lavori di artisti molto lontani fra loro per tempi e stili, come Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Giorgio de Chirico, Maurits Cornelis Escher, insieme a una serie di installazioni site-specific frutto del lavoro di numerosi e innovativi artisti digitali del presente, come Fabio Giampietro e Paolo Di Giacomo, Krista Kim, Mario Klingemann, Federico Solmi, Refik Anadol e Pinar Yoldas.

Il Prof. Emmanuele Emanuele, Presidente della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, ha dichiarato: “questa mostra è una sintesi del mio pensiero: oggi, coniugare la tradizione con il nuovo che avanza, con il mondo digitale, con l’apporto delle nuove tecnologie non è solo necessario, ma inevitabile.”

IPOTESI METAVERSO

Il viaggio nelle sale di Palazzo Cipolla inizia con una delle opere più famose e visionarie di Giambattista Piranesi, Le prigioni immaginarie, per poi passare all’altalena immersiva di Fabio Giampietro e Paolo Di Giacomo, la cui rotazione trasmette il movimento reale su un ampio schermo in bianco e nero.

L’esperienza prosegue poi con il bozzetto di Andrea Pozzo della finta cupola della Chiesa di Sant’Ignazio, situata a pochi passi da Via del Corso, esempio iconico dell’illusionismo barocco, e culmina con la visionaria opera di Umberto Boccioni Forme uniche nella continuità dello spazio del 1913. Da non perdere i dipinti e le sculture di Federico Solmi, dove le immagini si muovono da un mondo digitale per riconfigurarsi in uno fisico.

Nelle sale della galleria i visitatori hanno la possibilità di sperimentare la realtà virtuale e aumentata, possono camminare in mondi ideali, osservare l’intelligenza artificiale che produce ritratti surreali dal vivo e ammirare algoritmi guidati dai dati che creano ambienti astratti e onirici. Un vero e proprio percorso che si snoda come un ponte tra piani di realtà diversi.

IPOTESI METAVERSO

Fino al 23 Luglio 2023

Palazzo Cipolla
Via del Corso, 320

Orari di apertura:
Dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 20.00

Biglietti:
Intero 14,50€, Ridotto 11,50€

Fondazione Terzo Pilastro

Sign up to our newsletter for the latest news, events, and insights from Rome

By subscribing you agree with our privacy policy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *