Emilio Osteria di Mare, il pesce a due passi dal Circo Massimo

Emilio Osteria di Mare, il pesce a due passi dal Circo Massimo

La nuova proposta gastronomica dell’Aventino dedicata alla cucina di mare

Emilio Osteria di Mare è un progetto giovane, di recentissima di apertura, ideato da Fabio Spada e formato da un gruppo competente e consolidato che qui mette in pratica la sintesi delle proprie esperienze, scegliendo la semplicità e tenendo sempre alta l’asticella della professionalità.

Il locale, aperto all’Aventino, a due passi dal Circo Massimo, porta la firma di Materica Group e dell’architetto Valentina Fraschetti che ha ricreato una rilassante atmosfera marina, soprattutto modulando le tonalità dei colori. Un ambiente informale ma curato da circa 70 coperti, diviso in varie sale, con possibilità di avere sale più piccole da una decina di posti, cucina a vista e un bel bancone.

Alla guida della sala c’è Vanessa Croce, che collabora con Spada da moltissimi anni: il suo tocca porta da Emilio ricerca dell’eleganza, rispetto per il cliente e uno stile comunicativo semplice e informale, seppure curatissimo.

TI POTREBBE INTERESSARE
I ristoranti di pesce a Roma

La cucina di mare

Alla guida della cucina c’è Emiliano Valenti, che vanta un lungo curriculum nei ristoranti romani iniziato con la formazione al Convivio Troiani.
Da Emilio troviamo un’offerta di pesce variegata, che arriva anche dalle varie aste del litorale laziale, sempre nel rispetto della disponibilità giornaliera e della stagionalità. Il menu, dunque, cambia spesso e ogni due-tre giorni vengono proposti una serie di special fuori carta, soprattutto a pranzo, per rivolgersi ai professionisti che vengono più spesso per garantire loro sempre qualcosa di diverso.

Alcuni degli antipasti di Emilio sono pensati per poter uscire velocemente, con poche lavorazioni, ma sempre con attenzione alla qualità.

Si parte con Pane, burro di panna e alici del Cantabrico, Insalata con salmone marinato in casa per 48 ore, l’immancabile Sauté di cozze o Millefoglie di alici e provola con panure alle erbe. Non mancano tuttavia piatti più strutturati come il Baccalà mantecato su polenta o il Tortino di patata e seppia, e per gli amanti del crudo arriva a tavola un piatto misto con tartare, carpaccio, molluschi, gamberi, ostrica, che può cambiare in base alla reperibilità della giornata.

Per i primi si lavora molto con la pasta fresca, proponendo per esempio il Tonnarello, polpo, pecorino e menta, ma c’è anche il classico Spaghetto alle vongole e il Risotto alla pescatora espresso, minimo per due persone, vista la necessità del pesce utilizzato di avere diverse cotture.
Anche i secondi possono subire variazioni giornaliere, per questo il cliente leggerà la dicitura Trancio di pesce scottato, che cambia in base a ciò che la stagione offre e che viene abbinato sempre a un contorno diverso. Si segue la tradizione anche con la frittura, con panatura senza glutine, un’attenzione rivolta a chi ha intolleranze alimentari.

La conclusione non può essere più dolce con il Tiramisù al bicchiere, fatto al momento col sifone, Torta di pere e cannella e la Crostatina ricotta e visciole (questi ultimi due senza glutine).

La proposta beverage

Ai piatti si affianca una carta dei vini ragionata, messa a punto dallo stesso Spada, che conta circa 200 etichette: una sessantina di bolle, 100 bianchi, 30 tra rosati e rossi, spaziando dal convenzionale al bio. Si aggiunge poi una carta dei cocktail, firmata dalla bartender Antonella Digioia, composta da 12 signature (che portano il nome di cale e grotte pugliesi), oltre ai classici.

Da Emilio, dalle 17 alle 19.30, c’è la possibilità di fermarsi per un aperitivo, con calici, drink e alcuni piatti del menu per godersi un piacevole momento di condivisione.


Emilio Osteria di mare

Viale Aventino, 40

Aperto tutti i giorni a pranzo e a cena/Chiuso il lunedì

Tel. 351.3087253

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *