London Calling: Palazzo Cipolla celebra l’arte contemporanea britannica

London Calling: Palazzo Cipolla celebra l'arte contemporanea britannica

La mostra degli artisti per cui la città di Londra è stata madre, musa e fonte d’ispirazione

Londra sta chiamando. Parafrasando il titolo della famosa canzone dei The Clash, Palazzo Cipolla dedica una mostra a 13 artisti di grande fama, tutti “debitori” in qualche modo verso la capitale inglese. Ciò che accomuna il loro lavoro infatti, è l’essere nati, aver vissuto o comunque aver tratto ispirazione da questa città, piena di storia e contraddizioni, antica e attualissima. In mostra 30 opere di artisti che non hanno bisogno di presentazioni, come Damien Hirst, David Hockney e Idris Khan.

London Calling: Palazzo Cipolla celebra l'arte contemporanea britannica
Anish Kapoor Magenta Apple mix 2, 2018, Acciao inossidabile e vernice (dittico) 172x344x27 cm, Courtesy the Artist Photo Dave Morgan ©Anish Kapoor. All Rights Reserved, DACS SIAE by Siae 2022

All’entrata lo spettatore si confronta subito con Magenta Apple mix 2, la coppia di dischi specchianti di Anish Kapoor, pupille infuocate convesse e fluide, che riflettono ciò che è e ciò che sta attorno. Se lo spettatore può riconoscersi al loro interno, c’è da dire che il dubbio circa la reale tangibilità di ciò che si duplica rimane: siamo noi o è altro da noi? Questo è il dilemma.

Il tema della deformazione della materia torna nelle sculture vorticose di Tony Cragg, immortalate in fieri, mentre si avvolgono ed evolvono in un passaggio magmatico di stati. Nell’opera Skull, ciò che sarebbe letteralmente chiamato teschio, e quindi associato in modo filosofico a un sempre valido memento mori (ossia a una profonda e tragica riflessione sulla caducità dell’esistenza), viene qui trasformato dal guizzo dinamico di Cragg in un volto mutante, o forse mutevole, che si trasforma in altro, restando comunque fedele a se stesso.

London Calling: Palazzo Cipolla celebra l'arte contemporanea britannica
Tony Cragg, Skull, 2016, bronzo 150x104x68 cm, Courtesy the Artist and Tucci Russo Studio per l’Arte Contemporanea, Torre Pellice, Torino – Foto Jack Hems ©Tony Cragg by Siae 2022

Mattatore della mostra non poteva non essere Damien Hirst. La sala riservata ai suoi lavori è incentrata su un ossimoro percepibile attraverso una reazione quasi epidermica: si passa dai brividi gelidi ed asettici dati da Glen Matlock, il famoso armadietto dei medicinali zeppo di pile ordinate di farmaci, allo squilibrio a tratti allergico dato dal vortice cromatico di Beautiful totally out of this world painting, disco fluo appeso a parete, che risucchia lo sguardo fino a farne centrifuga di pensieri, che vengono poi restituiti addensati di una pesantezza che gronda vernice e caos.

Palazzo Cipolla Presents: London Calling - British Contemporary Art Now
Beautiful totally out of this world painting, 2005, smalto lucido con farfalle su tela,
Ø 213 cm, Private Collection- ©Damien Hirst and Science Ltd., All rights reserved by Siae 2022t of this world painting, 2005

La mostra si scopre essere particolarmente interessante anche grazie agli stili eterogenei degli artisti presenti, nonchè alla varietà dei temi trattati. Se ad esempio le geometrie di Sean Scully sono un mare calmo sul quale galleggiano memorie di Malevic ed echi astratti, la ritrattistica colorata e patinata di David Hockney spezza la noia, condensando ricerca psicologica a un realismo quasi magico che vede la fisiognomica diventare indagine sociale e introspettiva.

London Calling: Palazzo Cipolla celebra l'arte contemporanea britannica
Sean Scully, Black Square Night, 2020, Olio su alluminio, 215,9×190,5 cm, Collezione privata

E se, ancora, Grayson Perry ironizza sulla miseria etica del guadagno fatto sul fare artistico, che rende la creazione commercio e moda, Jake and Dinos Chapman puntano il dito, ironico e sempre sornione, sul rendere accettabile tramite i media e il cinema anche oggetti e dinamiche portatrici di morte. La stessa morte, tragica ed ingiustificata, che diventa protagonista delle opere di Annie Morris, che attraverso il suo lavoro elabora e rende immagine comprensibile, seppur lacerata, la gestazione di un figlio e il suo terribile terminare, non annunciato, anzitempo.

London Calling: Palazzo Cipolla celebra l'arte contemporanea britannica
Grayson Perry Edizione limitata di borsetta con manico creata da Grayson Perry in collaborazione con Osprey London (rosa), 2019 18x22x9 cm Edizione di 10 Courtesy the Artist and Victoria Miro Gallery, London © Grayson Perry

London Calling. British Contemporary Art Now.

Fino al 17 luglio 2022

Palazzo Cipolla
Via del Corso, 320

Orari di apertura

10.00 – 20.00 (ultimo ingresso ore 19.00)

Biglietti
€4-6

fondazioneterzopilastrointernazionale.it

Tags
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.