Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola a Roma

Chiesa di Sant'Ignazio di Loyola a Roma
Photo: Marc Biarnès - Flickr

La chiesa dei padri gesuiti di Sant’Ignazio: capolavoro del barocco italiano che nasconde una meravigliosa illusione ottica

La storia della chiesa di Sant’Ignazio in Campo Marzio è legata alle vicende del Collegio Romano fondato da sant’Ignazio di Loyola nel 1551. Nel 1584 viene inaugurata l’attuale sede in Campo Marzio che comprendeva anche una Chiesa, detta dell’Annunziata, ma che ben presto si mostrò di dimensioni troppo ridotte per ospitare gli studenti del Collegio. Dunque fu deciso di costruire una nuova chiesa, innalzata proprio sulla chiesa dell’Annunziata.

La finta cupola

Iniziarono i lavori nel 1626 ma la maestosa cupola in muratura prevista dal progetto di Orazio Grassi, probabilmente per motivi economici, non venne mai realizzata. Venne dunque chiamato il pittore Andrea Pozzo, che grazie a uno straordinario stratagemma riuscì a “completare” la cupola. Con un gioco di prospettiva l’artista riuscì a creare una finta architettura attraverso la pittura, che ancora oggi desta stupore e meraviglia al visitatore.

st ignazio fake dome
Photo: David Macchi
(CC BY-NC-ND 2.0)
www.flickr.com/photos/davidmacchi/

L’affresco della volta: la Gloria di Sant’Ignazio

Il fantastico affresco della volta è il centro della decorazione della chiesa. La Gloria di Sant’Ignazio (1685), sempre opera di Andrea del Pozzo, esalta l’attività apostolica della Compagnia di Gesù nel mondo. Pozzo realizza un gioco di prospettiva che dà la sensazione di uno spazio infinito, creando la sensazione di uno spazio tridimensionale. Grazie alla padronanza della prospettiva Andrea Pozzo costruisce una seconda chiesa che si innalza illusoriamente sopra la prima. L’effetto è evidente se lo si guarda dal centro della navata.

L'affresco della volta: la Gloria di Sant'Ignazio

Il Presbiterio

Le pitture del presbiterio illustrano i momenti fondamentali della vocazione di sant’Ignazio e degli inizi della compagnia di Gesù. L’effetto prospettico stupisce: la parete dell’abside sembra poligonale mentre in realtà è concava. Pozzo esegue gli affreschi tra il 1685 e il 1701.

chiesa di sant'ignazio a roma

La chiesa di Sant’Ignazio conserva i corpi di diversi santi della Compagnia di Gesù, come Luigi Gonzaga, Roberto Bellarmino, Giovanni Berchmans.

Alla fine del 2016 sono terminati di lavori di restauro delle stanze abitate dagli studenti gesuiti e le camerette di San Luigi Gonzaga all’interno del Collegio Romano e della chiesa. Per prenotare la visita alle Camerette di san Luigi Gonzaga contattare il numero 066974406 o via mail chiesasantignazio@gesuiti.it

Centra mappa
Ottieni i Percorsi

Indirizzo

Piazza Sant’Ignazio (Via del Corso / Piazza di Pietra)

Orari di apertura

9.00-20.00

Tags from the story
, ,
Scritto da
Altri articoli di Romeing

Il trading di Bitcoin è diverso dall’acquisto della criptovaluta

Proviamo a far emergere le differenze tra questi due aspetti della criptovaluta.
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *