Il Pigneto – guida al quartiere “alternativo” di Roma

Il Pigneto: guida al quartiere alternativo di Roma
Photo by: Sergio Marchi flickr.com/photos/magic74/

Una guida ai luoghi più interessanti del quartiere Pigneto

Un tempo quartiere popolare e trascurato, sede di racket, temuto dalla “Roma bene”, eppure amato dal famoso scrittore e regista italiano Pierpaolo Pasolini, il Pigneto è diventato il gioiello della scena alternativa romana dopo un intenso processo di rigenerazione urbana.

quartiere pigneto roma

Una breve storia del Pigneto

Un quartiere unico si nasconde nella periferia urbana di Roma Est. Il nome si riferisce ai filari di alti pini marittimi che un tempo circondavano Villa Serventi, una villa storica della zona. Il perimetro triangolare del Pigneto coincide con Via Prenestina, Via Casilina e Via dell’Acqua Bullicante. Il quartiere è anche suddiviso in tre sezioni, le cui piazze, strade e vicoli sono dedicati a città italiane, famosi condottieri o geografi.

Fino al 1870 questa zona era principalmente occupata da ville private e terreni agricoli, ma alla fine dell’Ottocento l’attuale area del Pigneto vide la nascita di una serie di piccoli insediamenti spontanei e disorganizzati e successivamente lo sviluppo di diversi complessi industriali nel Novecento. Il Pigneto divenne così la sede di una variegata popolazione di lavoratori industriali.

Il Pigneto: guida al quartiere alternativo di Roma

Il Pigneto: guida al quartiere alternativo di Roma
Kleva

Tra il 1920 e il 1940, l’area vide la costruzione di numerosi edifici, tutti in stili diversi. La zona è infatti caratterizzata da un’interessante diversità architettonica, che va dal liberty, al barocco, arrivando fino all’eclettismo. In quegli stessi anni, alcuni privati costruirono le tipiche case basse e colorate del Pigneto che potrete osservare passeggiando per il quartiere. Sono piuttosto interessanti e non assomigliano a nulla che vedrete in giro per il resto della città!

Alcuni dicono che passeggiare per il Pigneto è diverso dal passeggiare nel resto di Roma. La diversità architettonica, i negozi vintage ed i vari bar e ristoranti etnici e biologici regalano un’atmosfera nuova e diversa alla città nel suo complesso. Anche gli abitanti di questo quartiere sono incredibilmente diversi e comprendono gli storici abitanti del Pigneto, i più giovani studenti universitari e stranieri.

Ci sono moltissime alternative da scoprire al Pigneto. Potrete leggere un libro della collezione L’Idea che si trova nella Biblioteca Anarchica in Via Braccio da Montone 71/A. Oppure potrete passeggiare nei vicoli del quartiere, ammirando l’incredibile street art che colora i muri della zona. Potrete ammirare gli acquedotti romani, oppure cimentarvi in qualche divertente spedizione di archeologia industriale, visitando il centro sociale Ex-Snia ed il suo laghetto artificiale. Oppure, meglio ancora, potrete partecipare ad un’esperienza di latte art experience, degustando il caffè italiano in alcuni dei migliori bar del quartiere.

Dopo aver finito il vostro giro della zona, date un’occhiata alle nostre guide su dove mangiare, bere un drink, e passare una bella serata al Pigneto.

More from Camilla Palermo
Vita notturna al Pigneto: una guida ai migliori bar e locali
La vita notturna del Pigneto è più trendy che mai. Goditi l'atmosfera...
Leggi tutto
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *